AICIS Notizie‎ > ‎

Aliquota IVA al 22%

pubblicato 06 ott 2013, 08:08 da Redazione Aicis   [ aggiornato in data 09 ott 2013, 01:28 ]
Si riportano alcune utili indicazioni dal Sole 24Ore sulla nuova aliquota IVA


 

Nuova aliquota Iva 22%

 

 

Il Sole 24Ore 3.10.2013 p. 29-30

  • Note di addebito
    • Qualora il contribuente abbia, per errore, emesso una fattura avente data 1.10.2013 applicando l’aliquota Iva del 21%, egli potrà emettere una nota di addebito che riporti la maggiore imposta non addebitata originariamente.
    • Se la correzione è effettuata entro i termini stabiliti per la liquidazione periodica di riferimento per tale fattura, non sarà dovuta alcuna sanzione.
  • Prestazioni di servizio
    • La circolare n. 30 del 1.10.2013 di Assonime contiene indicazioni utili per individuare il momento impositivo per le prestazioni di servizio dopo il passaggio al 22%. In particolare, viene chiarito che per le prestazioni di servizio generiche interne prevale il pagamento, mentre per quelle ricevute da operatori comunitari o extracomunitari l’applicazione dell’aliquota dipende dall’ultimazione della prestazione.
  • Costi auto aziendali
    • L’aumento dell’Iva ordinaria genera ricadute sul costo di acquisto e di gestione dei veicoli aziendali. Nel caso di riaddebiti di spesa a dipendenti che usano autoveicoli dell’azienda, dal 1.10.2013 è necessario scorporare l’Iva con la nuova aliquota del 22%. Solo nel caso di uso del mezzo per finalità esclusivamente aziendali è consentito detrarre integralmente gli oneri di acquisto e gestione.
  • Cassa di previdenza
    • L’aumento dell’aliquota Iva peserà anche sul contributo integrativo addebitato in parcella da parte dei professionisti iscritte a casse di previdenza privata o iscritti alla Gestione Separata Inps.

 

Iva per cassa e aumento aliquota ordinaria

Il Sole 24Ore 2.10.2013 p. 24-25

  • Il regime dell’Iva per cassa non prevede deroghe alle regole sul momento di effettuazione delle operazioni. 
  • Pertanto, nell’ipotesi di una fattura regolarmente emessa con tale sistema con Iva al 21%, anche se incassata dopo il 1.10.2013, non si determina alcun obbligo di integrazione o di versamento aggiuntivo.

 

 

Tassi usurari

Il Sole 24Ore 1.10.2013 p. 29