AICIS Notizie‎ > ‎

Progetti di Legge Albo Periti - Esperti d'Automobile

pubblicato 11 gen 2011, 04:34 da Redazione Aicis   [ aggiornato in data 14 gen 2011, 06:49 ]
 
Riportiamo l'articolo apparso su CAR Carrozzeria del mese di dicembre 2010 nel quale, tra l'altro, il Presidente ACIS afferma: "basta con la barzelletta se diminuiscono i costi dei sinistri diminuiranno le polizze".
 
L'analisi dei provvedimenti e degli interventi effettuati in questi anni a favore degli assicuratori, spiega l'AICIS, dimostra che a fronte di una diminuzione della frequenza dei sinistri, di un notevole contenimento degli importi dei risarcimenti per i danni da "microlesioni fino a 9 punti d'invalidità permanente" e di una diminuzione delle spese accessorie per interventi di assistenza specialistica in fase extra giudiziale e giudiziale, nonchè dell'introduzione del risarcimento diretto, da molti decantato, il costo delle polizze non è diminuito.
 
Usciamo dall'equivoco, sostiene l'AICIS. Qualcuno ci dovrebbe spiegare perchè a fronte di una diminuzione delle "spese", una società per azioni (quali sono le compagnie di assicurazioni) dovrebbe, anzicchè aumentare i dividendi ai soci, diminuire le proprie entrate (provenienti dalle polizze).
 
Basta con le barzellette. E' tempo che politici, istituzione, organi di controllo e di vigilanza, organizzazione dei consumatori ed operatori del settore, congiuntamente, da un lato stabiliscano dei protocolli per la reciproca collaborazione e confronto, anche per il monitoraggio dell'andamento del costo dei risaarcimenti, e dall'altro chiedano al legislatore interventi finalizzati a far sì che la diminuzione del costo dei sinistri abbia una obbligatoria ripercussione sul costo delle polizze.
 
L'AICIS ritiene che un maggiore ed ottimale utilizzo dei Periti con finalità antifrode ed anti micro truffa, potrebbe incidere positivamente sull'eliminazione di quella percentuale di costi impropri derivanti dalla scarsa volontà delle Compagnie di Assicurazione di opporsi in modo intransigente a qualsiasi tentativo di elusione dell'equo e corretto risarcimento.
Quanto sopra dovrebbe concretizzarsi attraverso la scelta esplicità di contrastare qualsiasi tentativo frode e/o microtruffa, indipendentemente dal "costo" in termini temporali e di contenzioso che ciò possa comportare.
 
Solo comportamenti virtuosi ed intrasigenti in tal senso da parte delle Compagnie di Assicurazione, che attualmente paiono non avere interesse alcuno a perseguire effettivament le frodi e le micro truffe, potrà contrastare nel tempo la cultura consolidatasi negli ultimi decenni secondo la quale truffare le assicurazioni non sarebbe reato.
 
 
Ċ
Redazione Aicis,
11 gen 2011, 05:04
Comments