AICIS Notizie‎ > ‎

Saluto ad un collega

pubblicato 03 giu 2013, 06:20 da Redazione Aicis   [ aggiornato in data 04 giu 2013, 08:44 ]
Giovedì scorso, il collega S.S. ha preso la decisione più estrema.
Il quotidiano lavoro della nostra direzione nazionale si è interrotto sulla terribile notizia del collega. S.S. che si era tolto la vita. Sgomento e silenzio che si è protratto, in segno di lutto anche sui lavori di venerdì scorso.
Al momento non ci è dato di conoscere i motivi di un gesto tanto estremo, sul quale poniamo il nostro più ampio rispetto, esprimendo dolore e vicinanza alla sua Famiglia.
Vogliamo ricordarlo nelle parole di un suo collega di studio che sabato ci hanno raggiunto.






Sabato 1 giugno 2013

Oggi abbiamo salutato il nostro amico e collega S.
Eravamo in tanti , parenti, amici, conoscenti, periti, carrozzieri, liquidatori, agenti, la chiesa era piena come non avevo visto mai. Possibile che Lui si sia sentito solo, noi sordi alla sua richiesta d'aiuto, noi in tanti lui da solo. Aveva paura, dalle parole dei familiari ci hanno detto che lui aveva paura di perdere il lavoro, lavorava solo per due compagnie, era preso dall'ingranaggio, dallo stress tempi ,costi, dai controlli. Noi in tanti lui da solo. Noi tutti da soli gli altri in tanti, noi piccoli, loro grandi. C'è stato un parente che lo ha ricordato in chiesa, che ha detto che nessuno si é accorto del suo bisogno di affetto e sostegno, di una carezza di un abbraccio nei momenti di sconforto che, anche e soprattutto, anche nel nostro quotidiano lavoro necessitiamo. È stato detto che se incontriamo una persona che chiede aiuto anche una carezza ed un abbraccio può fare la differenza. Ora io mi chiedo, ma quanti di noi ci sono così, abbiamo bisogno di sentire vicino qualcuno, qualcosa. Bene credo che quel qualcuno e qualcosa possa essere anche la parola di un collega, qualche volta basta poco, una lettera, una telefonata una email. Rilancio la proposta all'Associazione, mandiamo sempre una email a tutti noi, non basta pubblicare solo sul sito, mandiamo a tutti una comunicazione facciamo sentire che ci siamo e che per noi tutti ci sei anche te. Un grazie a tutti coi per il sostegno, grazie ancora siete tutti splendidi. Un augurio: teniamo duro. S. ha deciso di non lottare più,  si è arreso, lui che c'era sempre per tutti e per tutti era disponibile senza chiedere ai niente.

M. M.