Regolamento di attuazione dello Statuto AICIS e norme per i congressi

Delibera CdA Aicis del 9 dicembre 2015 in Milano

PREMESSA

Il Regolamento di attuazione dello Statuto dell’AICIS si pone l’obbiettivo di esplicitare e rendere funzionali quelle parti dello Statuto che si limitano ad indicare il criterio generale, evitando gli approfondimenti per non appesantire il contenuto dello stesso.

 

Sezioni Specialistiche

Premesso che gli iscritti AICIS sono Esperti di Veicoli e danni a cose, conoscono le norme del Codice delle Assicurazioni, del Codice della Strada, i contratti assicurativi e le regole generali dell’estimo, a seguito della richiesta di un gruppo di soci o su iniziativa autonoma, il Consiglio di Amministrazione AICIS può decidere la costituzione di sezioni specialistiche all’interno dell’Associazione.

Una volta decisa la costituzione di tali Sezioni, il CdA AICIS nominerà un comitato promotore il quale si assumerà l’impegno di diffondere tra tutti gli iscritti l’iniziativa, raccogliendo le adesioni con le modalità indicate dal CdA, il quale, di volta in volta, definirà anche le modalità di organizzazione, riunione e rappresentanza delle sezioni specialistiche.

Presso la sede nazionale, la Segreteria Nazionale potrà gestire le attività di segreteria, sviluppo e coordinamento di Associazioni diverse dall’AICIS ma aventi obiettivi, finalità, e caratteristiche analoghe o complementari con quelle dell’Associazione.

I rapporti saranno regolati da specifici accordi, che prevedano anche un significativo contributo economico per la messa a disposizione non solo di servizi, ma dell’insieme del know-how, delle relazioni e delle competenze dell’AICIS.

Torna su


Contributi per le attività associative

Premesso che l’AICIS, attraverso i suoi organismi nazionali e territoriali persegue gli obbiettivi statutari e che ogni iniziativa sociale deve, possibilmente, prevedere l’autonoma copertura economica della stessa, e che il bilancio è unico, per le iniziative a livello nazionale i costi di organizzazione possono essere posti direttamente a carico dell’associazione.

Per le iniziative e le attività regionali, dopo la programmazione delle stesse (programma singolo, multiplo, annuale, pluriennale, etc.), nonché per i contatti con i soci e la copertura, ex post, dei costi sostenuti per la promozione delle adesioni all’Associazione, i Presidenti Regionali possono chiedere contributi alla Segreteria Nazionale, che repertorierà le richieste e le trasmetterà al Presidente, al Tesoriere ed al Segretario Generale, per gli approfondimenti e le autorizzazioni.

La Presidenza concorderà con le Direzioni Regionali, in funzione delle attività svolte e programmate il contributo da stornare a favore delle iniziative organizzate sul territorio regionale, con riferimento alla singola attività o in modo forfettario per un certo periodo temporale.

La cassa regionale residua alla precedente organizzazione, ove sussista, serve alla copertura della gestione delle spese che si possano verificare a livello locale, ed all’organizzazione di riunioni e iniziative locali, e non può essere utilizzata o distolta per attività differenti, salva specifica autorizzazione scritta della presidenza.

 

Le iniziative locali devono essere finalizzate alla crescita professionale degli iscritti, alla riflessione sulle problematiche della categoria, o su iniziative di legge ad essa relative ed all’allargamento della base associativa; devono coprire i costi e in caso di plusvalenze, la ripartizione delle stesse dovrà essere concordata di volta in volta con l’Ufficio di Presidenza.

Torna su


Norme per lo svolgimento dei Congressi

1. Il Congresso Nazionale viene convocato in via ordinaria dal Consiglio di Amministrazione con cadenza triennale.

2. Di norma viene convocato, con non meno di quattro mesi di anticipo, in concomitanza con il Convegno Nazionale AICIS nella sede del medesimo; se per ragioni logistiche o d’urgenza non fosse possibile rispettare tale riferimento, sarà il CdA a decidere data e sede di convocazione.

3. Il Congresso può essere convocato anche in via straordinaria o su richiesta scritta di almeno un terzo dei componenti il CdA od in caso di approvazione di mozione di sfiducia nei confronti del Presidente Nazionale secondo quanto previsto dell’art. 12 dello Statuto.

4. I Congressi Regionali-Interregionali devono svolgersi almeno 30 giorni prima della data fissata per il Congresso Nazionale, come da Statuto; qualora, per motivate ragioni, il termine di 30 giorni non fosse sufficiente a garantire la partecipazione dei soci al dibattito in sede locale, il CdA potrà autorizzare che il Congresso Regionale-Interregionale si svolga anche entro un termine inferiore ai 30 giorni rispetto al Congresso Nazionale.

5. Le convocazioni dei Congressi Regionali-Interregionali, in coordinamento con il CdA, la Segreteria Nazionale ed il Presidente, saranno stabilite dai rispettivi organismi locali dopo la convocazione del Congresso Nazionale da parte del CdA e nel rispetto dei criteri dal medesimo stabiliti, ad eccezione dei Congressi Straordinari che saranno convocati dai rispettivi organi direzionali dopo averne concordato le ragioni e le modalità con l’organismo superiore.

6. Ogni iscritto ha diritto di partecipare al Congresso Regionale-Interregionale del proprio territorio ed al Congresso Nazionale, ma potranno intervenire e votare solo i soci in regola con il versamento della quota associativa dell’anno precedente, o i neo iscritti da almeno 15 giorni, o i soci che abbiano regolarizzato la propria posizione amministrativa almeno 15 giorni prima del Congresso Regionale-Interregionale, qualora il Congresso Nazionale si svolga entro i primi 100 giorni dell’anno; oppure i soci in regola con la quota dell’anno in corso da almeno i 15 giorni precedenti alla data del Congresso Regionale-Interregionale, qualora il Congresso nazionale si svolga dopo il centesimo giorno dall’inizio dell’anno.

7. I Congressi Regionali-Interregionali, devono essere convocati tramite la Segreteria Nazionale, la quale, può provvedere direttamente o, tramite il Presidente, delegare la materiale convocazione del Congresso locale agli organismi territoriali della zona.

8. Il Presidente Regionale deve essere preferibilmente eletto tra coloro che hanno fatto parte della Direzione Regionale o del Consiglio di Amministrazione per almeno tre anni negli ultimi 10.

9. La Direzione Regionale può essere composta, in numero dispari, da 3 a 15 membri, con decisione motivata da parte del Congresso Regionale.

10. All’interno della Direzione Regionale deve essere eletto almeno un Vice Presidente.

11. E’ lasciata facoltà al Congresso Regionale di decidere autonomamente relativamente alla costituzione di un locale Collegio dei garanti. Qualora non venga nominato, anche a livello locale si dovrà far riferimento all’organismo nazionale.

12. Relativamente alle candidature, possono o pervenire una o più liste, corredate del programma di iniziative sul territorio, almeno una settimana prima dello svolgimento del Congresso locale, oppure, in mancanza di presentazione di liste o di mancato quorum per l’elezione, le candidature dovranno essere raccolte in sede di Congresso locale.

13. Entro i 15 giorni lavorativi successivi alla data di svolgimento del Congresso locale, il Presidente Regionale deve tassativamente comunicare alla Segreteria nazionale la composizione della Direzione Regionale competa di tutti i dati ed il programma di iniziative sul territorio.

 I lavori del Congresso Nazionale dovranno seguire le seguenti procedure:

 - Insediamento della Presidenza che assume tutti i poteri di gestione del Congresso 

- Nomina del Presidente del Congresso che presiede e regola i lavori.

- Nomina della Commissione Elettorale la quale verifica le liste e le candidature, che dovranno già essere pervenute, con un anticipo di almeno 10 giorni rispetto alla data del Congresso.

- Nomina della Commissione che controlla la validità dei lavori congressuali.

Dopo l’insediamento della Presidenza e la nomina delle Commissioni il Congresso dovrà approvare le modalità di voto (palese o segreto) per consentire alla Commissione elettorale di organizzare i propri lavori.

Torna su


Rimborsi spese

Art.1) Per i componenti dell'Ufficio di Presidenza, sono rimborsabili le spese strettamente necessarie, sostenute dal Presidente e/o da altri Soci chiamati a svolgere qualsiasi attività istituzionale in nome dell’Associazione o in rappresentanza del Presidente. Nelle spese rientrano:

a)  Spese di viaggio

b)  Spese telefoniche, esclusivamente per il Presidente, il Vice Presidente, il Tesoriere, il Segretario Generale e la Segreteria Nazionale.

c)  Spese pernottamento: al costo, con l’invito all’economia.

d)  Spese per pasti non compresi nella quota di pernottamento: al costo

 

Art.2) Ai componenti del Consiglio di Amministrazione, a titolo di contributo per spese di viaggio e soggiorno, per le riunioni diverse da quelle in occasione di Assemblea, Convegno Annuale o Congresso, può essere riconosciuto, se richiesto e disponibile, un importo forfettario determinato come segue:

Percorrenze complessive

Entità rimborso

 

Fino a 400 Km

€.    nessuno

 

da 401 a 800 Km

€.    100,00

 

da 801 a 1500

€.    200,00

 

Oltre i 1500 e dalle Isole

€.    300,00

 

 

Art.3) In caso di trasferimento di più persone, servirsi, se possibile, di un solo automezzo.

Art.4) La richiesta dettagliata di rimborso da parte delle persone di cui all'art.1 e 2, se non già anticipate dall’associazione, deve pervenire entro il termine della riunione alla quale si riferisce, in forma scritta, con invio delle pezze giustificative, anche in copia, entro i 30 giorni successivi.

Art.5) Il rimborso, compatibilmente con le disponibilità economiche, avverrà entro trenta giorni dal ricevimento dei giustificativi.

Art.6) Con esclusione del Comitato Organizzatore e/o degli incaricati dell’organizzazione, sono escluse dai rimborsi tutte le spese sostenute per la partecipazione ai congressi e convegni e/o assemblee nazionali.

Art.7) Ogni iniziativa formativa di carattere locale, regionale o nazionale dovrebbe prevedere l’autonoma copertura delle spese. Per le iniziative Regionali ed Interregionali organizzate in collaborazione con la Direzione nazionale o l’Ufficio di Presidenza e/o con il nulla osta da parte dell’Ufficio di Presidenza, potranno essere previsti contributi o potranno essere definite iniziative di carattere nazionale.

Art.8) Nelle iniziative di formazione organizzate a livello locale ed in collaborazione con gli organismi nazionali, dovrà sempre essere previsto un contributo di partecipazione non inferiore a €.100,00 per ogni giornata, e proporzionato a detto importo in funzione della durata, salvo le iniziative che coprano comunque interamente o parzialmente i costi, e quelle finalizzate a stimolare il versamento della quota e/o concordate con la presidenza.

Torna su


Altre norme e note

Il Consiglio di Amministrazione fa propria la deliberazione della Direzione Nazionale del 5 marzo 2011, che auspicava, con decorrenza dal triennio in corso nel 2011, e per il futuro, che le cariche di Presidente Nazionale e Presidente Regionale, risulteranno preferibilmente rinnovabili per un massimo di n. 3 (tre) mandati consecutivi.

 Il presente regolamento conservato dal Presidente Pro Tempore Marco Mambretti e presso la Segreteria Nazionale ed aggiornato automaticamente in occasione di deliberazioni del Congresso, dell’Assemblea dei Direttivi Regionali-Interregionali e dei soci o del Congresso, contenendo anche norme squisitamente di carattere gestionale interno si utilizza internamente all’associazione.

 Il Consiglio di Amministrazione è automaticamente convocato in occasione del Convegno Nazionale, dell’Assemblea dei Direttivi Regionali-Interregionali e dei soci o del Congresso, in orario e possibilmente in giorno diverso, precedente o successivo agli stessi.

Qualora nei mesi di Giugno, Ottobre o Dicembre o in quello precedente non siano convocati il Convegno Nazionale o il Congresso, il Consiglio di Amministrazione si riunirà, con sola comunicazione relativa all’orario, in audio o video conferenza, il primo mercoledì di Giugno, Ottobre e Dicembre.

Le Direzioni Regionali, oltre alle eventuali altre convocazioni, sono convocate automaticamente il giovedì successivo a quello nel quale si svolgerà ogni Consiglio di Amministrazione.

 Con l’approvazione del presente Regolamento, in data 09.12.2015 da parte del Consiglio di Amministrazione, tutti le precedenti versioni di regolamenti di attuazione dello statuto vengono abrogati.

Per chiarezza si precisa che resta valido il Codice Etico ed il Regolamento relativo alla formazione continua.

Torna su