Comunicazioni‎ > ‎

Rapporto Attività 2013

L’anno 2013 si chiude avendo avuto, come punto di partenza, l’ottobre 2012 in cui ha preso forma la nuova Direzione Nazionale composta da ventidue membri sparsi sul territorio italiano. La novità di spicco è la presenza quotidiana sul grande impegno che i colleghi della DN hanno dedicato alle necessità ed alla difesa della categoria, grazie ai mezzi informatici che permettono il mantenimento continuo dei contatti.

Per la nuova DN è stato un inizio nella marcia più alta che però, ha coinciso con il periodo più faticoso nella storia della nostra attività. Il mercato della perizia e più in generale, del comparto assicurativo, è in forte cambiamento. Lo abbiamo appurato anche attraverso quanto è emerso dal convegno internazionale della Fiea - Federazione Internazionale degli Esperti Automobilistici che, quest’anno, è stato organizzato in Italia dalla nostra Associazione. In Europa stanno trovando sempre maggiore diffusione attività peritali alternative che, se da una parte potrebbero offrire maggiore professionalizzazione, dall’altra producono un effetto di diminuzione sull’attuale numero degli operatori. Accanto alle scelte di controtendenza delle imprese assicurative europee si affianca il consistente calo dei sinistri determinato dalla crisi economica e dal conseguente minor uso dell’auto nonché dal crescente miglioramento della tecnologia automobilistica in fatto di sicurezza.

Tutto ciò in un momento in cui l’equilibrio tra l’incremento delle attività secondarie alla perizia imposte dalle imprese assicurative ed una remunerazione ai minimi storici è fortemente minato dalla scelta, da parte di alcune compagnie, di convertire parte della propria rete liquidativa all’attività peritale pur in assenza dei requisiti, non solo di legge, ma anche della padronanza di un mestiere che solo l’esperienza sul campo può offrire. Quale garanzia di terzietà possa offrire un’operazione di questo tipo, è un interrogativo che non può trovare risposta e che Aicis sta tentando di proporre nelle sedi istituzionali e negli incontri con i cittadini.

E, nondimeno, l’instabilità governativa italiana che prova ad arginare gli effetti post-crisi con decreti dell’ultimo momento, sta di fatto portando a farci vivere un secondo e più pesante periodo di crisi da cui non si vedono, al momento, grandi spiragli.

Il 2013, per i colleghi impegnati nelle attività associative, è stato quindi un anno di faticoso lavoro a cui è stato necessario dare la precedenza rispetto alle comunicazioni sulle attività in corso e che pubblichiamo oggi, ma che è in gran parte già visibile sulla sezione “news” del sito www.aicis.it.

Auspichiamo per il 2014 una massiva partecipazione da parte di ogni collega, anche solo in via informativa. La consapevolezza è amica delle soluzioni e, se estesa ad un numero rilevante di colleghi, si concretizzerebbe la certezza di poter contare su un crescente numero  di contributi utili alle strategie e alle relative attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi comuni per la categoria.

Nel porre di seguito uno stralcio di talune attività messe in opera nell’anno uscente, alcune delle quali ancora in corso, si ringrazia la Direzione Nazionale per il lavoro svolto sotto il coordinamento dell’Ufficio di Presidenza.

A tutti i periti assicurativi italiani sono rivolti, oggi più che mai, gli auguri più sentiti per ritrovare serenità con il 2014.

Buon Natale e felice anno nuovo.

 

                                                                                     Marco Mambretti

                                                                                                                    presidente aicis

 

Ċ
Andrea Olivieri,
20 dic 2013, 11:02
Comments